sabato 16 giugno 2012

Toei Animation. I primi passi del cinema animato giapponese

di Mario A. Rumor

Toei Animation è lo studio di animazione più famoso al mondo, anche ora che Hayao Miyazaki e lo Studio Ghibli hanno conquistato il pubblico internazionale con i loro capolavori. Agli occhi degli appassionati Toei è soprattutto il luogo da dove sono uscite centinaia di serie Tv animate popolarissime, da Candy Candy a Ken il guerriero da Ufo Robot Goldrake a Dragon Ball; è lo studio che per primo si è imposto come realtà commerciale su vasta scala conquistando un’intera generazione di spettatori agli inizi degli anni Ottanta. La parte della sua storia che si conosce meno è invece quella legata ai suoi inizi, subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale, e a quel formidabile periodo che generò una ventina di pellicole cinematografiche, dando avvio alla storia dell’animazione nipponica come noi oggi la intendiamo.
Toei Animation. I primi passi del cinema animato giapponese è un excursus storico e critico che prende in esame il ventennio 1958-1978, con l’intento di raccontare i film, gli animatori e gli autori che hanno preso parte a una fase cruciale dell’industria cinematografica giapponese. Quella che si dovrebbe chiamare “l’infanzia del cinema animato giapponese” e che ha prodotto una generazione irripetibile di veterani e maestri conosciuti anche fuori dai confini nipponici (tra cui il più famoso è appunto Hayao Miyazaki). L’eco della quale è arrivata prima negli Stati Uniti alla fine degli anni Settanta, per poi propagarsi anche in Europa. Il volume è indirizzato agli appassionati, agli studiosi di cinema e al pubblico di nostalgici che ancora oggi, tra siti web e forum, si ritrovano a esaltare e ricordare i vecchi anime di una volta.
Mario A. Rumor
Toei Animation. I primi passi del cinema animato giapponese
Cartoon Club, Rimini, 2012, pp. 200, illustrazioni in b/n e a colori, € 20,00
Disponibile in libreria, fumetteria e sul sito www.fumodichina.com

Mario A. Rumor. Critico cinematografico e televisivo del mensile Il Mucchio. Scrive per Empire, Fumo di china, Leggere: Tutti ed è capo redattore della rivista Man ga!. Ha pubblicato i saggi Anna dai capelli rossi. Il fascino indiscreto della poesia (Iacobelli, 2011), The Art of Emotion. Il cinema d’animazione di Isao Takahata (Cartoon Club, 2007), Come bambole (Tunuè, 2005), Created by. Il nuovo impero americano delle serie Tv (Tunuè, 2005). Tra gli autori del volume Manga Impact! (2009) pubblicato dalla prestigiosa casa editrice inglese Phaidon, è stato consulente del Festival di Locarno (2009) e ha partecipato alla monografia Satoshi Kon (Il Foglio Letterario, 2009).

Nessun commento:

Posta un commento