sabato 15 dicembre 2012

Le perle del drago verde

di Lisa See

Una madre segreta, una figlia ribelle, un Paese in cui tornare...


Dopo una giovinezza felice a Shanghai, il sogno delle sorelle May e Pearl Chin è finito a Los Angeles, dove entrambe sono destinate a un matrimonio combinato. Nella Chinatown della città, le loro due famiglie crescono Joy, che a diciannove anni scopre per caso e con dolore di non essere figlia di Pearl, come ha sempre creduto, bensì di May e del suo grande amore di gioventù, il pittore cinese Z.G.

È il 1957 e nulla sarà più come prima per Joy, che decide di partire per conoscere il Paese al quale sente di appartenere e soprattutto il suo vero padre. Ma il mondo che l’attende è la Cina maoista del Grande Balzo in Avanti, un mondo in cui gli individui non contano nulla, piegati dal potere e dalle sue richieste spietate. Anche il padre naturale di Joy è osteggiato dal nuovo regime in quanto artista ed è costretto a partire per la campagna dove dovrà «imparare dalla vita reale». Nel suo cieco entusiasmo, Joy decide di seguirlo e in un villaggio sperduto nel cuore della Cina conosce un giovane contadino di cui si innamora perdutamente. Ma Joy ha due madri che l’attendono e che sono disposte a tutto pur di riportarla a casa...

Dal romanzo:
"Tutto quello che credevo di sapere sulla mia nascita, sui miei genitori, sui miei nonni e su me stessa non era che una menzogna, una menzogna colossale. La donna che pensavo fosse mia madre è mia zia, mia zia è la mia vera madre e l’uomo che amavo come un padre in realtà non era niente. Mio padre, il mio vero padre, è un pittore di Shanghai che mia madre e mia zia hanno amato fin da prima che nascessi. E questa, come direbbe zia May, è solo la punta dell’iceberg. Sono nata nell’anno della tigre e non ho intenzioni di lasciarmi sopraffare dal senso di colpa, terribile e straziante, per la morte di mio padre, né tantomeno dall’angoscia per queste ultime rivelazioni; allora mi aggrappo ancora più forte alle lenzuola, stringo i denti e cerco di costringere le mie emozioni ad arretrare e ritirarsi di fronte alla ferocia della tigre. Però non funziona."

L'autrice:
Lisa See, nata nel 1955, vive a Los Angeles. Giornalista collaboratrice di Los Angeles Times, Washington Post, Cosmopolitan e Publishers Weekly, ha compiuto frequenti viaggi in Cina, soprattutto per visitare i luoghi di origine della sua famiglia, della quale ha raccontato la storia in “La montagna d’oro”. Negli Stati Uniti i suoi romanzi sono tutti bestseller che raggiungono i primi posti delle classifiche. Longanesi ha pubblicato “In una rete di fiori di loto”, candidato al premio Edgar, e “Fiore di Neve e il ventaglio segreto”.

Il libro:

1 commento: