martedì 28 luglio 2015

Il paese dei desideri (recensione)

http://www.amazon.it/gp/product/8865641517/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8865641517&linkCode=as2&tag=labibldellest-21

Il ricordo di Hiroshima
di Hara Tamiki

traduzione di Gala Maria Follaco

La casa editrice Atmosphere, con la sua collana Asiashpere diretta da Gianluca Coci, ci propone questa splendida raccolta di racconti, arricchita da una prefazione di Kenzaburo Oe.

Cinque brevi ma davvero intensi racconti, che rispecchiano ciò che l'autore ha vissuto in prima persona durante la tragedia del 6 agosto 1945, dal quale quest'anno sono passati 70 anni.
All'interno di queste pagine avremo modo di perpepire Hiroshima con un occhio diverso da quanto già fatto nella letteratura a tema già pubblicata. L'aspetto psicologico dell'autore infatti incide moltissimo sulla narrazione, sulle digrazie che ci racconta con una tecnica di scrittura molto frammentata ma allo stesso tempo di forte impatto.
Sono molti gli aspetti anche autobiografici che influenzano questi racconti, come la malattia e la morte della moglie Sadae, o il suo suicidio annunciato nelle pagine del racconto Il paese dei desideri, che da il titolo alla raccolta.
Un libro consigliato non solo per ricordare la tragedia di Hiroshima, ma anche per uno stile di scrittura forte e crudo che Hara Tamiki sfrutta alla perfezione per farci addentrare negli abissi più profondi delle sue esperienze e paure.

IL LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento