domenica 19 febbraio 2017

Rubrica: i consigli di lettura di Haruki Murakami - 3


In questa rubrica raccogliamo e traduciamo direttamente dal giapponese alcuni suggerimenti di lettura di Haruki Murakami, apparsi in riviste di letteratura o nelle introduzioni dei libri da lui stesso tradotti. Murakami infatti in Giappone è uno dei più riconosciuti traduttori di romanzi dalla lingua inglese.






LIBERTA’ PER GLI ORSI di John Irving

Testo tratto dall’introduzione all’edizione giapponese tradotta e curata da Haruki Murakami.

“Ciò che vorrei far intendere è che dal 1960 in avanti, per quanto mi riguarda sono davvero pochi gli scrittori che come Irving sono riusciti a scrivere con uno stile semplice e incisivo dando un vero proprio potere al romanzo scritto. Per questo motivo amo senza mezzi termini i romanzi di Irving, e li stimo.
Ovviamente ognuno ha i suoi gusti ma il mio romanzo preferito tra quelli scritti da John Irving è senza dubbio “Libertà per gli orsi”. 
Potrebbe sembrare un testo ruvido e senza il classico stile che caratterizza i suoi successivi romanzi ma proprio perché in questo libro la narrazione non segue un vero e proprio filo logico è da ritenersi uno dei più riusciti.
Dal mio punto di vista personale inoltre questo romanzo ha una luce che solamente i migliori romanzi giovanili riescono ad emanare”.

http://amzn.to/2m0eFvi

Scheda del libro:
Un'impresa folle, quella di Siggy e Graff, studenti universitari di Vienna che decidono di attraversare in moto l'Austria alla fine delle lezioni, con la primavera ormai alle porte. Un semplice viaggio senza meta nella campagna viennese, infatti, si trasforma presto in un piano picaresco e stravagante: liberare tutti gli animali rinchiusi nello zoo di Vienna. È il 1967, l'incubo della seconda guerra mondiale sembra lontano; nel loro vagabondare Siggy e Graff incontrano personaggi grotteschi e divertenti, incappando in romantiche avventure, fino a scontrarsi con una drammatica realtà, che rischia di mettere fine al loro sogno. Ma forse il desiderio di compiere un gesto rivoluzionario sarà più forte di qualunque logica...

 

Nessun commento:

Posta un commento