lunedì 15 giugno 2015

Uomini senza donne, un commento di Antonietta Pastore

In concomitanza con l'uscita della nuova raccolta di racconti "Uomini senza donne" dell'amato scrittore giapponese Haruki Murakami, abbiamo chiesto alla traduttrice Antonietta Pastore un commento sul volume.

http://www.amazon.it/gp/product/8806225871/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8806225871&linkCode=as2&tag=labibldellest-21


- Ci può presentare brevemente questa nuova raccolta di racconti di Murakami?

Si tratta di una raccolta di sette lunghi racconti, molto belli, tutti basati sul tema della perdita di una donna amata. Perdita a volte già avvenuta, a volte solo paventata o incombente. I protagonisti sono uomini rimasti soli o sul punto di diventarlo, quindi colpiti da un dolore cui reagiscono ognuno in modo diverso. Solo nel penultimo racconto, Samsa innamorato, c’è un’energia vitale, direi quasi un ottimismo, che nasce dall’attesa di un amore ricambiato.

- Trova che lo stile di questi racconti sia in qualche modo cambiato rispetto ai precedenti lavori?


No, nel senso che lo stile, come sempre nelle opere di Murakami, è perfettamente adeguato al tema. Tutti i racconti − tranne Kino, dove a un certo punto irrompe l’elemento surreale, e l’ultimo, Uomini senza donne, che è una specie di allegoria −, si inseriscono nella linea di Norvegian Wood o L’incolore Tazaki Tsukuru, di conseguenza restano ancorati alla realtà − una realtà pervasa da una vena di rimpianto −, senza sconfinare in dimensioni fantastiche, e sono scritti in uno stile semplice e colloquiale. Al tempo stesso i dialoghi sono estremamente vivaci, le descrizioni calzanti e non mancano momenti di comicità.

- C'è un racconto tra questi che l'ha particolarmente colpita?


Sì, Samsa innamorato, per la genialità dell’idea da cui nasce, e per la capacità dell’autore di liberarsi di criteri di giudizio convenzionali e osservare il mondo da un punto di vista nuovo e privo di preconcetti.


Ringraziando di cuore Antonietta Pastore, vi ricordiamo che Uomini senza donne esce il 16 giugno 2015.
Per acquistarlo sul web CLICCATE QUI.

PER LA SCHEDA COMPLETA DEL LIBRO CLICCATE QUI

La Biblioteca dell'Estremo Oriente

Nessun commento:

Posta un commento