venerdì 15 maggio 2015

Il grande libro degli Haiku

A cura di Irene Starace

Ha contagiato Eliot e Pound, ha ammaliato un’intera generazione beat, da Ferlinghetti a Corso, da Burroughs a Kerouac. Sospeso fra l’aforisma filosofico e la poesia pura,
fra l’astrazione della mente e la fissità dei tre versi, quello dell’haiku è il genere che meglio esprime la sensibilità giapponese: le diciassette sillabe divengono il mezzo per suggerire una molteplicità di sensazioni. Attraverso cinquecento haiku (con testo a fronte e traduzione fonetica) si vuole ripercorrere la storia di questo componimento: dall’amore per la natura del grande maestro del XVII secolo Matsuo Basho, all’ironia malinconica di Issa, dal simbolismo novecentesco di Ogiwara Seisensui alla denuncia sociale di Kaneko Tota. Un percorso che restituisce una visione del mondo alla cui base vi è l’unità del tutto, in una lezione di enorme valore etico ed estetico.
UNA SOLA NUVOLA.
È UNA GRAN COSA
NEL CIELO DI STASERA.

IL LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento