lunedì 2 giugno 2014

Il mondo dei fiori e dei salici (recensione)

di Masuda Sayo


traduzione di Silvia Taddei
prefazione di Paola Scrolavezza
O Barra O Edizioni

Una vera perla della letteratura giapponese. Un volume così intenso di emozioni da leggere in un'unica notte capita davvero raramente. Questo è quanto mi è successo leggendo questa splendida autobiografia che narra le difficoltà di una bambina nata nella difficile prefettura di Nagano e costretta ad adattarsi sin da piccola alla vita da domestica, per intraprendere in seguito la carriera di geisha a soli sedici anni.
Grazie a Masuda Sayo riusciamo a comprendere la vera vita delle geishe giapponesi che costrette a questo mestiere dalle necessità e dalla povertà dell'epoca, si trovavano loro malgrado in un mondo ben diverso da quello che noi occidentali immaginiamo pensando alla dolce e romantica figura della geisha. Con una narrazione diretta e coinvolgente questa autobiografia ci lascerà davvero senza parole per la realtà e la crudezza delle sue vicende. Un'aspetto finora poco conosciuto e sottovalutato dell'antica tradizione e cultura giapponese finalmente arriva anche in Italia grazie a questo volume.

Per saperne di più sul libro CLICCA QUI


Nessun commento:

Posta un commento