venerdì 23 maggio 2014

Naufragio, di Yu Dafu

traduzione di Barbara Ricci

Naufragio (Chenlun)
, prima opera dello scrittore cinese Yu Dafu (1896-1945), pubblicata nel 1921, è considerata la prima raccolta di racconti della letteratura cinese moderna ed è composta di tre novelle: “Una morte grigio argento”, “Verso sud” e “Naufragio”, tutte ambientate in Giappone. L'autore, il quale, come molti giovani cinesi talentuosi del suo tempo, si recò a studiare nel paese del Sol Levante nella prima decade del Novecento, descrive le vicende e gli stati d'animo dei protagonisti, giovani uomini che affrontano la dura vita di studente in un paese che percepiscono ostile e sprezzante.
La novità rappresentata dall’opera sta nel sentire vivido e marcatodell’individuo, nella sapiente raffigurazione umana, intimistica edelicata, ma a tratti forte, e svelata senza pudori, nel tratteggiare ilrisentimento di un popolo che ha perduto il proprio valore politico agliocchi del mondo e soprattutto a quelli di un paese che dalla Cina hastoricamente tratto i fondamenti per la ricerca della propria identità.Un libro di denuncia, di patriottismo, di dolore e rivolta di un popolo,ma anche di passione e d’amore. Si narrano i turbamenti più intimi di unindividuo, anche di natura sensuale, sul modello della corrente letterariagiapponese del “watakushi shōsetsu” (romanzo dell’Io) tanto in voga in quelperiodo, con lo scrittore Tanizaki Junichirō, e sul modello dellaletteratura occidentale dell’Ottocento e del primo Novecento.

Barbara Ricci, laureata in Lingue e Civiltà orientali presso l'Università La Sapienza di Roma, ha effettuato studi sulla letteratura cinese moderna, in particolare sulle opere di Yu Dafu. Lavora come interprete e traduttrice e insegna presso istituti pubblici, privati ed enti di formazione professionale.

IL LIBRO:
Copertina flessibile:
212 pagine
Editore:
Aracne
CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO


Nessun commento:

Posta un commento