giovedì 17 aprile 2014

Pyongyang, l'altra Corea


di Davide Rossi

Questo diario di viaggio, pur non avendo la pretesa di dare un’immagine definitiva della Repubblica Popolare Democratica di Corea, ha il pregio di porre l’attenzione su una serie di dettagli a lungo trascurati. Tra questi, emergono il calore, la delicata curiosità verso gli stranieri, l’ospitalità e la fierezza del popolo coreano, le condizioni di vita semplici ma complessivamente dignitose, che stridono con la povertà che affligge invece vasti strati della società di tante nazioni considerate emergenti e con la descrizione del paese fatta dalla propaganda occidentale, così come l’armonia architettonica di Pyongyang, le strutture pubbliche funzionanti ed efficienti, la sensibilità ecologica del popolo.
Davide Rossi ci ricorda l’importanza della complessità culturale del paesaggio geografico che non può essere a lungo mutilato e ridotto a una mera contrapposizione tra interessi geopolitici regionali. Il dialogo con chi è distante necessita piuttosto di attenzione a particolari e sfumature inusitati e di ascolto per le esigenze che uomini e donne lontani, ma simili a noi, cercano di comunicarci attraverso l’organizzazione di un altro modello sociale.

Davide Rossi, docente, storico e giornalista, è dottorando in Storia Contemporanea presso l’Università Pedagogica Nazionale di Kinshasa – Repubblica Democratica del Congo. È direttore del Centro Studi “Anna Seghers” di Milano e dalla fondazione nel 2000 del mensile on line aurorarivista.it. Autore di svariati saggi dedicati alla storia, alla letteratura, alla cultura e al cinema dei paesi socialisti, ai popoli del Sud del mondo e al movimento internazionale dei lavoratori, è segretario generale del SISA - Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente, responsabile dal 2007 del “Centro di Formazione e Ricerca don Lorenzo Milani e scuola di Barbiana” per la Lombardia e il Ticino e corrispondente dall’Italia per la bolivariana “Radio del Sur” di Caracas (Venezuela). Per Radio Cittadella di Taranto segue da oltre un decennio i più importanti festival del cinema (Cannes, Venezia, Berlino, Locarno).

Copertina flessibile: 134 pagine 
Editore: Mimesis 
CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento