martedì 22 aprile 2014

La madre del Comandante Shigemoto (recensione)


di Anna Maria Pelella

Nostalgia della madre

la Madre del comandante Shigemoto in realtà è più una proiezione, un archetipo...è l'idea di donna del Giappone Heian...
una donna rapita a un povero vecchio e madre adorata di un ragazzino che la vedrà due volte in tutta la vita,
una donna di quelle che dietro i paraventi laccati, al buio e senza nessuna speranza di uscire alla luce, passava la propria esistenza in realizzazione di una funzione...

affascinante soprattutto per via dell'uso sapiente dell'ambientazione, questo romanzo ci dice più su quello che Tanizaki sentiva circa l'idea del femminile, che su quello che in realtà potrebbe esser accaduto alla Madre del comandante, i vecchi racconti e le raccolte di poesie ne delineano i contorni...ma questa è la poetica storia di un'ossessione...

Per saperne di più sul libro CLICCA QUI
Per acquistare il libro CLICCA QUI

Nessun commento:

Posta un commento