martedì 25 marzo 2014

Shiai e Ai. Combattimento e Amore

di Lamberto Garzia

È stata quasi primavera quando mi dicesti
di fare del mio kimono petalo di ciliegio
che si adagia sinuoso a terra,
e di avvicinare la mia nudità alla carta di riso
e fare piccola pressione di donna…


È stata quasi primavera il tuo prendere il pennello
e in uno spazio preciso dello shoji ritrarre a segno
immediato d’inchiostro nero il mio seno a golfo di mare:
perfetto, piccolo e le due mandorle in guscio l’idea
di voler trapassare la washi…

C’era stata, anche primavera fra me, il sipario,
e il fuori-casta moderno di moderno occidente,
c’era stata…

In "Shai e Ai" passato e presente, Oriente e Occidente vi si fondono in maniera perfetta. Il giovane cavaliere Lambert, un tempo innamorato della poesia del ciclo bretone e carolingio, occidentali per eccellenza, qui si cimenta con un amore rituale, guerriero, crudele e glorioso come quello del Giappone dei samurai e delle arti marziali più rigorose. Non c'è più barriera. Il linguaggio stesso si biforca e si raddoppia, l'italiano (un italiano lirico e conciso, quasi stilnovistico) si mescola al giapponese non in un patchwork confuso, ma in una sequenza che ha qualcosa di matematico, di ineluttabile. Il lettore vi ritroverà carpe che risalgono i fiumi, il drago dalle otto teste e quello dalle otto code, la volpe che di code ne ha nove, la dea Amaterasu. E poi "Izanami", "Izanagi", parole che annunciano il mese della tigre e degli dei; parole di corpo e di carne, seme d'occidente e acque d'oriente.

Lamberto Garzia è nato a Sanremo nel 1965. Ha pubblicato La chanson de Lambert (1997, premio Sinisgalli), Leda (2003) e il manuale didattico Un poeta tra le righe (2007).
Cliccando QUI potete leggere un'interessante intervista all'autore.

IL LIBRO: 
Pagine: 85
Editore:
Effigie (26 marzo 2014)
CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO



Nessun commento:

Posta un commento