giovedì 13 febbraio 2014

In Cina per lavoro. Usi, costumi e parole

http://www.amazon.it/gp/product/8808175200/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8808175200&linkCode=as2&tag=labibldellest-21
di Elettra Casalin e Yu Wang

Come si dice Coca Cola in cinese? Non Coca Cola ma Kekoukele, che significa “gustosa e divertente”. Decidere come farsi chiamare in Cina non è facile, anche perché la semplice traslitterazione del nome può dar luogo a effetti comici o imbarazzanti: “Giuseppe”, ad esempio, può diventare Zhusaibei, che significa “maiale tappato con conchiglie”.


Comprendere gli usi e costumi cinesi è indispensabile per chi si reca in Cina per affari, importante per chi pensa di andarci per lavoro e interessante per chi è semplicemente curioso di conoscere una cultura lontana e a prima vista impenetrabile. Situazioni quotidiane, come lo scambio di un biglietto da visita o il comportamento da tenere a tavola, cose da fare e da non fare, come soffiarsi il naso in pubblico, consigli pratici per decodificare comportamenti apparentemente inspiegabili – perché, ad esempio, i cinesi non dicono mai di no? – sono illustrati da una sinologa italiana e da un’artista cinese che vive in Italia.

Molti di questi usi e costumi risalgono a una cultura millenaria che si basa sugli insegnamenti di Confucio e sull’Arte della guerra di Sunzi. Conoscerli aiuterà a “farsi cinese tra i cinesi”, ad assumere cioè quell’atteggiamento di curiosità e apertura che ha consentito a Marco Polo e a Matteo Ricci di essere ammessi a corte e che costituisce ancora oggi la chiave per entrare in relazione con la Cina.

IL LIBRO
Pagine: 208
Editore: Zanichelli



Nessun commento:

Posta un commento