lunedì 6 gennaio 2014

Dollari, la mia passione


http://www.amazon.it/gp/product/8896317037/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=24114&creativeASIN=8896317037&linkCode=as2&tag=labibldellest-21

di Zhu Wen

Cosa pensano, come si comportano gli abitanti di un paese che cambia? In questi racconti di straordinaria scrittura c'è un protagonista tanto smarrito quanto determinato a trovare una sua strada nel momento in cui le tutele svaniscono, ogni forma di protezione e di costrizione evapora in un contesto di incertezza e stupore.
Il suo sguardo ricorda quello di un Buster Keaton, comicamente affondato nel nonsense. Individui sradicati e i nconcludenti, ossessionati dai soldi, si aggirano sullo sfondo di scenari urbani della Cina contemporanea, fra ospedali che non funzionano, fabbriche sull'orlo del fallimento, strade sovraffollate, stanze anguste condivise da più inquilini.
Bassezze e meschinità  di un'umanità  confusa e variegata sono oggetto della spietata satira dell'autore, sempre tenuta su un filo di tensione per ciò che attende il protagonista: uno stesso  narratore che, in diversi momenti della propria esistenza, affronta mafiosi di provincia, operai sull'orlo di una crisi di nervi, dipendenti di cliniche private che seguono ancora i dettami comunisti, un padre al quale trovare una prostituta per la sua visita in città. Le storie di Zhu Wen dipingono con umorismo e schiettezza la tragicomica realtà quotidiana in una società intrappolata fra capitalismo e comunismo, caratterizzata da un febbrile individualismo e da improvvise esplosioni di violenza: e Zhu Wen sembra non sapere se piangere o ridere a crepapelle.

Traduzione di Maria Gottardo e Monica Morzenti.

Zhu Wen ha lavorato come ingegnere in una centrale termoelettrica fino al 1994, quando con la pubblicazione del racconto Dollari, la mia passione è diventato una delle figure centrali e più discusse del panorama letterario cinese. È autore di poesie e raccolte di racconti ed è inoltre regista: ha diretto Seafood, vincitore nel 2001 del Gran Premio della Giuria al Festival del Cinema di Venezia, e South of the clouds, premiato al Festival di Berlino 2004. Nel 2013 è stato presentato all’Expo di Shanghai, nel contesto dello Shanghai International Film Festival, il suo nuovo film, Thomas Mao.

Nessun commento:

Posta un commento