sabato 16 febbraio 2013

L'onore del samurai

di David Kirk

La straordinaria storia del più grande samurai di tutti i tempi

Figlio di un guerriero. Padre della leggenda.


Un grande romanzo che narra la straordinaria storia del ragazzo nato guerriero e diventato leggenda.


Giappone, XVII secolo. Nel remoto villaggio di Miyamoto, nella provincia di Harima, vive Bennosuke, figlio del grande Munisai Shinmen, uno dei più valorosi guerrieri dell’impero. Ha tredici anni, sua madre è morta in un misterioso incendio, mentre suo padre ha abbandonato il villaggio dopo la tragedia, otto anni prima, e non ha fatto più ritorno.
Di lui si prende cura lo zio Dorinbo, un monaco che spera che il ragazzo rifiuti la violenza e scelga invece la via della spiritualità e della contemplazione. Nel frattempo, però, Bennosuke si allena nelle arti della guerra sotto la guida di Tasumi, un anziano samurai. Quando un giorno, all’improvviso, il padre ferito torna a casa, il ragazzo decide che è arrivato il momento di reclamare la sua eredità: diventerà un samurai. Ma prima della gloria viene la battaglia, e Bennosuke dovrà guardare la morte negli occhi per poter essere chiamato Musashi Miyamoto, il più grande guerriero di tutti i tempi.

Un'appassionante storia di dedizione, onore e tenacia

L'epica storia del ragazzo che divenne il più grande samurai di tutti i tempi


«Un romanzo affascinante, avvincente e ben scritto. Kirk riesce a creare personaggi di grande intensità. Un vero gioiello.»
Conn Iggulden, autore di Il soldato di Roma

«Uno straordinario esordio. Da non perdere.»
Steve Berry, autore di Il terzo segreto


David Kirk ha 26 anni. Inglese, è nato a Peterborough ed è cresciuto a Stamford, nel Lincolnshire. Il suo interesse per la storia giapponese è nato quando, all’età di dodici anni, ha letto il romanzo Shogun di James Clavell. Vive e lavora a Sendai, nel nord-est del Giappone, come insegnante di inglese. L’onore del samurai è il suo straordinario romanzo d’esordio, di cui arriverà presto il seguito.

LEGGI UN ESTRATTO DEL LIBRO

Nessun commento:

Posta un commento