lunedì 4 febbraio 2013

Cartoon Heroes, gli artisti di trent'anni di sigle TV


di Mirko Fabbreschi e Fabio Bartoli
Kappalab editore

Le sigle sono musica di serie B (o C)?
Oltre alla storia delle sigle italiane, dei suoi autori e cantanti, si spiega bene la struttura di una sigla e del perché la si possa tranquillamente considerare parte di un genere musicale a se stante.

Oltre che titolo del libro i “Cartoon Heroes” sono un collettivo musicale aperto a tutti gli autori di sigle. Durante la presentazione del libro al Lucca Comics and Games 2012 uno dei due autori, Mirko Fabbreschi (del gruppo I Raggi Fotonici), ha affermato che la sua speranza è che si possa arrivare a fare dei concerti che riuniscano il numero più alto possibile di cantanti del genere sigle.
Il libro contiene un CD con 14 brani di sigle rielaborate da importanti artisti del genere (elencherò gli artisti e i titoli alla fine).
Lo scopo del CD è lo stesso del libro, ma dal lato audio: far ascoltare quanto il testo e la musica sono di canzoni vere, né di serie B o C, ma di pari valore rispetto ad altri generi.
Tutti i brani sono stati suonati con strumenti, nessun artificio elettronico, e tutti gli artisti hanno partecipato alla loro esecuzione dal vivo.
Alla stesura del libri ha contribuito anche RadioAnimati, con il suo database di immagini e informazioni attendibili, in particolare per il capitolo “Gli eroi delle sigle”.
L'unica critica che mi sento di muovere a questo scritto riguarda la sua brevità.
Mi viene il dubbio che nel pubblicare libri con queste tematiche si tema (non so se da parte della casa editrice o degli autori) che troppe pagine possano scoraggiare il potenziale lettore. Magari mille pagine sarebbero state troppe, però un centinaio in più ci potevano stare, sarebbe stato un libro ancor più interessante.

Il libro inizia con tre prefazioni: Valentina Correani (VJ e conduttrice MTV), Enrico Deregibus (giornalista e critico musicale), Vince Tempera (musicista e compositore).

Capitolo 1: Perché Cartoon Heroes?
Le domande che gli autori si pongono, e a cui rispondono, sono:
Cos'è una sigla?
Quali sono le sue caratteristiche e le sue modalità di composizione, esecuzione e trasmissione?
Come sono nate e si sono evolute le sigle in Italia?
Chi sono gli “eroi” della cartoon music, gli autori e interpreti fondamentali che hanno dato lustro a questo genere così unico, che ha accompagnato e accompagna la crescita dei ragazzi di oggi e quelli di ieri?

Capitolo 2: Il rock, il jazz, il blues, il rap. La sigla come genere
Sempre durante la presentazione del libro Mirko Fabbreschi ha spiegato (concetto presente anche nel libro) che se si cerca su un dizionario la definizione di “genere musicale” si leggerà questo:
“Raggruppamento di composizione musicali somiglianti tra loro per alcuni caratteri essenziali”.
Per quanto ovvia sia la cosa non tutti ci sono arrivati, le sigle sono un genere, anche perché in Italia prima delle sigle per i cartoni animati giapponesi esisteva già una solida base autoriale di musica per ragazzi. Basti pensare alle sigle per i Barbapapà (1975) di Vecchioni o al “Ci vuole un fiore” (1974) di Sergio Endrigo (con testi di Gianni Rodari e col contributo del premio Oscar Luis Bacalov). Solo il Giappone presenta una situazione musicale analoga, in cui le musiche che accompagnano gli anime sono considerate “serie”, ovviamente lì anche i cartoni sono considerati seri.

Il ruolo delle sigle
Una sigla, a differenza di una canzone, deve anche rispondere a quattro compiti ben precisi, collegati, ovviamente, allo scopo per il quale esiste, cioè l'anime.
E quindi deve:
1) Catturare l'attenzione dello spettatore prima che inizi la puntata vera e propria;
2) Introdurre la storia e le atmosfere narrate nella serie;
3) Presentare i personaggi principali e le principali caratteristiche;
4) Mostrare i credits dell'opera.
Gli autori si soffermano nello specifico dei 4 punti, illustrandone il senso con vari esempi presi dalle sigle storiche.

Piccola storia delle sigle in Italia
E' brevemente illustrata la storia delle sigle in Italia, dai Barbapapa di Vecchioni in poi.

Gli eroi delle sigle
Questo capitolo è diviso in 4 paragrafi, in ognuno dei quali è raccontata la storia di chi scrisse, suonò e cantò quelle sigle (molti aneddoti e informazioni interessanti): orchestre, cori, gruppi, solisti.
Le orchestre:
Vinci Tempera, Luigi Albertelli & Co;
Detto Mariano (Galaxy roup);
Vito Tommaso (I Mini Robots);
Augusto Martelli e la sua orchestra.

I cori:
I piccoli cantori di Milano (di Niny Comolli);
I Nostri Figli (di Nora Orlandi);
Le Mele Verdi (di Mitzi Amoroso);

I gruppi:
Oliver Onions;
Superobots/ Rocking Horse;
Fratelli Balestra;
I Cavalieri del Re;
Orchestra Castellina-Pasi;
I Mostriciattoli;
Odeon Boys;
Cartoon Family;
Raggi Fotonici.

I solisti:
Nico Fidenco;
Elisabetta Viviani;
Katia Svizzero;
Georgia Lepore;
Fogus (Roberto Fogu);
Luigi Lopez;
Cristina D'Avena;
Spectra (Claudio Maioli);
Enzo Draghi;
Giampi Daldello;
Marco Destro;
Giorgio Vanni;.

Vasselli. Margaria, Petrosi – Dietro le quinte delle sigle
Il capitolo riporta brevi interviste a tre produttori di sigle:
Annalisa Vasselli (responsabile edizioni dello spazio ragazzi di Rai 2);
Fabrizio Margaria (direttore fascia ragazzi Mediaset);
Olimpio Petrosi (produttore RCA), questa è l'intervista più interessante.

Come si scrive una sigla
Sono analizzati la musica e il testo di una sigla.

Sigla che vai, cultura che trovi...
In questo capitolo sono riportate le citazioni di sigle in altri contesti, musicali, televisivi, cinematografici, politici etc. Lo scopo del capitolo è far comprendere come ormai la sigla sia citata al di fuori del contesto anime che le aveva dato i natali, e per il quale era nata, è il testo della sigla che ha fatto storia, entrando dell'immaginario di una nazione e di più generazioni.

Il contenuto del CD
Le musiche sono state arrangiate in maniera differente rispetto a come le conosciamo, di un paio ho faticato a riconoscere l'attacco, restano comunque belle, ed alcune sono migliorate, anche se poi si resta affezionati all'originale. Un bel CD, che considerando il prezzo del libro lo rende molto appetibile.
Artisti (Cartoon Heroes):
Mirko Fabreschi, Laura Salamone, Dario Sgrò, Claudio Maioli, Giacomo Vitullo, Arnaldo Capocchia, Douglas Meakin, Maura Cenciarelli, Manuela Cenciarelli, Clara Serina.

Brani:
Ufo Robot;
Candy Candy;
Kimba il leone bianco;
L'invincibile Dendoh;
Bell e Sebastien;
Jeeg Robot;
Lo specchio magico;
Il villaggio di Hello Kitty;
Ken il guerriero;
Sampei;
Lady Oscar;
Supergals, ragazze alla moda;
Le avventure dell'ape Magà;
Il Grande Mazinga.


Per acquistare il libro CLICCA QUI

1 commento:

  1. Sapete dell'esistenza di un libro del genere però che parli delle sigle giapponesi?

    RispondiElimina