sabato 29 settembre 2012

Tibet verita' nascoste



di Roberto Rivola
Introduzione di Pio D’Emilia
Prefazione di Francesco Donati
Il Cerchio iniziative editoriali


Questo libro, dedicato a tutti i Tibetani morti nell’anonimato, si apre con un' introduzione di Pio D’Emilia, corrispondente dall’Estremo Oriente di SKY TG 24, che attraverso il suo lavoro è riuscito a sentire propria la tragedia tibetana, questa violenta oppressione, raccontata divinamente da Roberto Rivola, che ormai da troppi anni il governo cinese effettua nei confronti di uno dei popoli più pacifici del pianeta, il Tibet.

mercoledì 26 settembre 2012

Le testimoni silenziose

di Xue Xinran

“Per la prima volta viene data voce alle persone comuni, per la prima volta osserviamo la Cina dagli occhi delle Testimoni Silenziose...”


In questo libro Xinran dà voce per la prima volta alle persone comuni, alla "generazione silenziosa" che ha assistito, nel corso della propria esistenza, alla dirompente trasformazione della Cina da paese agricolo a stato moderno.

lunedì 24 settembre 2012

I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto

di Eric-Emmanuel Schmitt

I dieci figli che la signora Ming non ha mai avuto è una storia semplice, simbolica e profonda - nel tipico stile di Eric-Emmanuel Schmitt - sul valore della famiglia, dell'amore e sulla forza dell'immaginazione che salva quotidianamente dalla banalità della vita.
wuz.it


 Tutti sanno che in Cina le coppie non possono avere più di un figlio. Le autorità cinesi sono molto attente al controllo demografico, e chi trasgredisce incorre in severe sanzioni. Come fa allora la modesta signora Ming, addetta alle pulizie nella toilette per gli uomini del Grand Hotel di Yunhai, ad avere dieci figli?

domenica 23 settembre 2012

Percorsi di musica giapponese

Per questo post, "scritto" in collaborazione con Daniela, abbiamo deciso di lasciare spazio alla musica, che come in questo caso ha bisogno di ben poche parole, percorrendo vari generi all'interno della musica giapponese.

Cominciamo con l'intramontabile Joe Hisaishi, compositore delle musiche di molti film di Kitano e di molti anime:

sabato 22 settembre 2012

Il bruco, di Edogawa Ranpo e Suehiro Maruo



Dopo il capolavoro La strana storia dell’isola Panorama, tratto, proprio come Il bruco, da un romanzo dello scrittore giapponese Edogawa Ranpo, eccoci di nuovo in un paradiso del male dove fiorisce l’ossessione per il nazionalismo, sopito ma vivo. Ad agosto, una flottiglia d’imbarcazioni è sbarcata sulle isole Senkaku, contese da Cina e Taiwan, con a bordo nazionalisti giapponesi, tra cui dei parlamentari. Nel volume è infatti citato un breve testo di denuncia contro guerra e nazionalismo dello scrittore Shimonaka Yasaburo, intitolato Evviva il male.
L’intera opera di Maruo è incentrata sul rapporto tra erotismo e morte, perversione e purezza. Qui indaga anche il rapporto tra percezione visiva e perversione (voyeurismo compreso), attraverso la bidimensionalità tipica del fumetto, e la costruzione di architetture della sequenza all’interno della tavola, elemento altrettanto tipico del fumetto.

giovedì 20 settembre 2012

Intervista a Ito Ogawa e Gianluca Coci



Gentilissimi Gianluca Coci e Ito Ogawa, innanzitutto vi ringraziamo veramente per averci concesso questa doppia intervista, che siamo lieti di pubblicare sul blog La Biblioteca dell’Estremo Oriente, in concomitanza con l’uscita in libreria della raccolta di racconti “La cena degli addii” (Neri Pozza, traduz. dal giapponese di Gianluca Coci).


GIANLUCA COCI, traduttore ed esperto di letteratura giapponese moderna e contemporanea.

1) Per iniziare, vorremmo sapere come è nata la sua passione per la traduzione.
- È stato un amore a prima vista, a scuola: traduzioni dal francese e dall’inglese, versioni dal latino. Se avessi potuto, avrei fatto solo quello, insieme ai temi di italiano, è ovvio. E poi c’erano anche i testi delle canzoni dei Pink Floyd, dei Grateful Dead, dei Jefferson Airplane e di altri gruppi rock degli anni Sessanta e Settanta, li traducevo mentre ascoltavo i loro dischi. Quando traducevo – e mi succede tuttora – cadevo in una sorta di trance, non esisteva nient’altro. Mi esaltava vedere quelle parole in una lingua straniera trasformarsi, sul foglio del mio quaderno, in un testo di senso compiuto scritto nella mia lingua madre. Scoprire il significato di un testo scritto in una lingua altra e riproporlo nella propria lingua. È, in piccolo, come plasmare la materia. Il traduttore è un piccolo scultore, un piccolo pittore, un piccolo artigiano delle parole.

2) Quali sono le maggiori difficoltà che incontra nelle traduzioni dal giapponese all’italiano? 
- L’interpretazione del testo. È un po’ come tradurre dal greco o dal latino, bisogna prima di tutto cercare di comprendere il testo, attraverso quella muraglia di caratteri così diversi dai nostri. Credo valga più o meno la stessa cosa per chi traduce dal cinese, dal russo e da altre lingue molto diverse dalla nostra. Comprensione e interpretazione del testo, riscrittura (pressoché totale), tentativo (disperato) di restare il più vicino possibile al testo di partenza. Per rendere bene l’idea, mi azzardo a dire che la traduzione dal giapponese assomiglia molto di più a una versione dal greco o dal latino piuttosto che a una traduzione dall’inglese, dal francese o da un’altra lingua di origine latina.

domenica 16 settembre 2012

Il canto delle parole perdute

di André Pascual

Nagasaki, agosto 1945. Kazuo, un ragazzo occidentale adottato da una famiglia giapponese, e Junko, figlia di una maestra di ikebana, si sono ripromessi di incontrarsi su una collina per suggellare il loro amore adolescente con un haiku. Pochi minuti prima dell'appuntamento, la bomba atomica trasforma la città intera nell'inferno. Tokio, febbraio 2011. Emilian Zäch, architetto svizzero in crisi, funzionario delle Nazioni Unite e sostenitore dell'energia nucleare, conosce una gallerista di arte giapponese ossessionata dall'idea di rintracciare il primo amore della nonna. Due storie parallele, destinate a incrociarsi in un finale sorprendente.  

venerdì 14 settembre 2012

Safari Cinese

La Cina conquista l'Africa

di C. Brighi, I. Panozzo, I. M. Sala
O Barra O Edizioni

Prefazione di Angelo Del Boca

Pechino si sta costruendo in Africa un futuro da superpotenza: una penetrazione economica con risvolti politici e diplomatici. Dalle motivazioni geopolitiche sino alle ripercussioni sociali, la storia di un cambiamento negli equilibri mondiali.

mercoledì 12 settembre 2012

Takejiro Hasegawa e le fiabe giapponesi del Museo Stibbert




Il museo Stibbert di Firenze è rinomato soprattutto per la sua collezione di armeria giapponese esposte in 3 sale, ma tra queste armi e armature si nasconde un piccolo tesoro che attira moltissimi amanti della letteratura e dell’immaginario nipponico.

domenica 9 settembre 2012

Haruki Murakami inedito


Sono moltissimi i libri di Haruki Murakami pubblicati in Giappone e ancora non tradotti in Italia. Speriamo di poterli leggere in futuro anche in italiano, per il momento chi può deve accontentarsi (e sforzarsi) di leggerli in giapponese…


Nel nostro ultimo viaggio in Giappone ne abbiamo trovati alcuni che ci hanno colpito e che vi presentiamo in questo post. 

venerdì 7 settembre 2012

Mae Nak. Donne vampiro e spiriti famelici dal lontano Oriente

di Alessandra Campoli
Exòrma edizioni

Partendo dai primi esempi letterari di vampiro occidentale, l'autrice ci accompagna in un viaggio lungo la Thailandia e la Malesia, sulle tracce delle phi, entità femminili dai tratti demoniaci tra le quali ha avuto particolare popolarità la bella Mae Nak.



giovedì 6 settembre 2012

Una stagione con il mio piccolo orso


di Shin Hyuna

Traduzione di Luca Basenghi

Kite Edizioni


Una capanna in mezzo alle montagne, un cacciatore e un piccolo orso. Sono questi gli ingredienti della meravigliosa favola illustrata della coreana Shin Hyuna.

domenica 2 settembre 2012

1Q84. Libro 3. La trama

Dopo il post pubblicato l'8 luglio con le prime informazioni sul terzo libro di 1Q84 di Haruki Murakami, pubblichiamo ora un piccolo aggiornamento con la trama del volume di prossima pubblicazione.
Purtroppo l'immagine di copertina non è ancora disponibile.


1Q84. Libro 3. Ottobre-dicembre
di Murakami Haruki

sabato 1 settembre 2012

Il sospettato X di Keigo Higashino

In una emozionante partita a scacchi in cui ogni mossa è un esame minuzioso della psicologia dell’avversario, Il sospettato X è un thriller di una suspense e una raffinatezza uniche.

Traduzione (PURTROPPO) dall'inglese di Silvia Rota Sperti

Quando un dilettante vuole nascondere qualcosa, più complessa è la sua messinscena, più profonda è la fossa che si scava con le sue mani.
Ma un genio no; un genio fa qualcosa di molto più semplice, qualcosa che non verrebbe mai in mente a una persona normale, anzi, che una persona normale non si sognerebbe nemmeno. E da questa semplicità scaturisce una complessità immensa.