martedì 3 luglio 2012

"Il maestro di go" di Kawabata Yasunari

In uscita il 10 luglio 2012

Una sfida mortale, una malinconica meditazione sul senso della vita. 

Contributi di Raffaele Rinaldi
A cura di Cristiana Ceci 
«L'invincibile maestro aveva perso l'ultima partita della sua vita e avrebbe dunque dovuto essere proprio lui il primo a lasciare quel luogo, per riposarsi dalla tensione della gara e dalla malattia, partendo al piú presto. Ma cosí non fu. Egli era lontano, in pace (...) Me lo immaginavo seduto in un qualche luogo, imperturbabile, in nulla diverso dal solito, lasciando all'immaginazione altrui il senso di depressione e sconforto, a lui estraneo».

Nello scenario seducente di un albergo giapponese di campagna, con un cerimoniale quasi liturgico, il maestro Shusai, l'eroe fino ad allora imbattuto, conduce la sua ultima, epica sfida: una partita di go che durerà sei lunghi mesi e che rimarrà celebre negli annali di quest'arte. La posta in gioco è ben piú importante di un premio. La vittoria determinerà la fine di tutto un mondo: il go come esperienza estetica, il rispetto per gli anziani maestri e per l'avversario, la silenziosa concentrazione che fa di quest'arte una via di saggezza.
Romanzo di straordinaria tensione a volte quasi insostenibile, Il maestro di go trasforma, pagina dopo pagina, le mosse dei due contendenti in un gioco di vita e di morte: uno solo potrà uscirne vivo. 

Kawabata Yasunari, nato a Saka nel 1899, è morto suicida nel 1972. Nel 1968 gli è stato assegnato il premio Nobel per la letteratura. Tra i suoi romanzi: Mille gru, Il suono della montagna, Il paese delle nevi( Einaudi 1959), La casa delle belle addormentate, Bellezza e tristezza (Einaudi 1985), Il sogno del piviere (Einaudi, 2005), La banda di Asakusa (Einaudi, 2007), Immagini di cristallo (Einaudi, 2007) e Il maestro di go (Einaudi, 2012).

  • Brossura: 250 pagine
  • Editore: Einaudi (10 luglio 2012)
  • Collana: Einaudi tascabili. Scrittori
  • ISBN-10: 8806207903
  • ISBN-13: 978-8806207908
  • ACQUISTA cliccando qui

Nessun commento:

Posta un commento